Serie A, promossi e bocciati della 22ª giornata

el-shaarawy-680x387PROMOSSI

STEPHAN EL SHAARAWY
Buona la prima per il Faraone, che celebra l’esordio con la maglia giallorossa con un gol di tacco. Una prodezza alla Ibrahimovic per festeggiare l’inizio di questa nuova avventura e il ritorno alla vittoria della Roma.

JURAJ KUCKA
Mihajlovic lo preferisce a Bertolacci e ha ragione: lo slovacco spadroneggia in mediana vincendo tutti i contrasti. Una prestazione di grinta e lotta, a immagine e somiglianza del proprio mister.

M’BAYE NIANG
In quattro minuti chiude il derby: al 73′ serve l’assist a Bacca per il gol del 2-0, al 77′ cala il tris rossonero.

ALEX
Il brasiliano sblocca la stracittadina con un’incornata da centravanti vecchia maniera. Dietro è un gigante. Unica pecca, il fallo in area su Icardi, ma l’attaccante neroazzurro lo grazierà, sbagliando il rigore.

ALVARO MORATA
Lo spagnolo si è definitivamente sbloccato. Ai due gol segnati all’Inter in Coppa Italia durante la settimana, abbina i due rifilati al Chievo. Le due marcature permettono alla Juventus di aprire la goleada veronese e di ingranare la dodicesima vittoria consecutiva.

ALEX SANDRO
Un gol e una traversa: il brasiliano sfrutta a meraviglia la squalifica di Evra. Quando spinge sulla sinistra, per la difesa clivense sono guai. Il Triveneto gli porta bene: l’altro gol in questo campionato lo aveva siglato all’Udinese.

PAUL POGBA
Altra chiave di questa Juventus è il centrocampista francese: gol, traversa e assist per Alex Sandro. Partita mostruosa.

JOSÉ MARIA CALLEJON
Altro doppiettista di giornata, lo spagnolo del Napoli partecipa alla festa con l’Empoli, chiudendo i conti nel finale, ma già in precedenza si era fatto apprezzare largo sulla destra, propiziando anche l’autorete di Camporese.

MAURIZIO SARRI
Non finiremo mai di elogiare la bella musica suonata dall’orchestra partenopea. Cinquanta punti, cinquanta gol. In questo momento tutto funziona a meraviglia. Bilancio delle ultime quattro gare: cinque reti al Frosinone, tre al Sassuolo, quattro alla Samp, cinque all’Empoli. Non ha pietà della sua vecchia squadra e le infligge un pesante stop.

PIERLUIGI GOLLINI
Il giovane portiere veronese è il principale protagonista del punto guadagnato all’Olimpico di Torino. Sempre attento, respinge tutte le minacce granata. In particolare, pregevole la risposta su Benassi.

GODFRED DONSAH
Il centrocampista ghanese è scatenato: suo l’assist nel primo gol del Bologna, suo il gol del raddoppio. In mezzo un’altra bella conclusione verso la porta di Viviano.

GERMAN DENIS
Saluta il pubblico di Bergamo con un gol. Un bell’addio per il Tanque, trascinatore degli orobici negli ultimi quattro anni e mezzo.

BOCCIATI

ROBERTO MANCINI
La sua Inter continua a fare acqua: l’attacco non punge, e non è più una novità, ma ora ha perso anche la solidità difensiva che l’aveva contraddistinta fino alla sosta di Natale. Il tecnico jesino è sin troppo nervoso e il suo derby finisce anzitempo per proteste. Come se non bastasse, si fa pizzicare mentre alza il dito medio verso alcuni tifosi milanisti che lo stavano insultando al momento della sua uscita dal terreno di gioco. Una serata orribile, completata poi con le tutt’altro che eleganti dichiarazioni verso la giornalista Mikaela Calcagno nel dopogara. 

STEVAN JOVETIC
Il Mancio affida l’attacco al montenegrino e al nuovo arrivato Eder. Ma se quest’ultimo riesce a creare qualcosa, l’ex fiorentino è impalpabile e mai pericoloso.

MAURO ICARDI
Ingeneroso inserirlo tra i peggiori, ma l’errore dal dischetto pesa tantissimo nell’economia della gara. Su quel palo si esauriscono le speranze dell’Inter, perché poco dopo, il Milan chiude i giochi.

NICOLAS FREY
La retroguardia del Chievo è sempre in ritardo sugli indiavolati attacchi della Juventus. Il numero 21 si perde Morata dopo sei minuti di gioco, e lo spagnolo ne approfitta per aprire lo show.

PAULO SOUSA
Si fa cacciare per aver toccato la palla prima che questa fosse uscita dal campo. Un gesto istintivo e innocuo, per carità, ma anche ingenuo.

ANDREA RANOCCHIA
Non felice il debutto in blucerchiato per  l’ex capitano dell’Inter. A Bologna, da un suo rinvio maldestro nasce il gol di Donsah. Naufraga nella difesa a quattro schierata da Montella nel primo tempo, migliora con il passaggio a quella a tre.

GREGOIRE DEFREL
Una delle costanti delusioni di questa stagione. Che fine ha fatto il bel giocatore ammirato a Cesena? A Bergamo non ne azzecca una: inevitabile la sostituzione.

DANILO
Nella nervosa gara del Friuli, il difensore brasiliano incassa due cartellini gialli e lascia l’Udinese in dieci uomini già dal primo tempo. In occasione della seconda ammonizione, mette k.o. il laziale Djordjevic, costretto ad abbandonare il campo.

Giovanni Del Bianco
http://www.guerinsportivo.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...