Serie A, promossi e bocciati della 17ª giornata

candreva-680x387PROMOSSI

ANTONIO CANDREVA
Torna a vestire i panni del trascinatore timbrando una doppietta di lusso a San Siro. Un suo tiro da fuori area sblocca la partita contro l’Inter. Nel finale firma il nuovo vantaggio segnando sulla ribattuta del rigore paratogli da Handanovic. E pensare che fino a ieri aveva segnato un solo gol in tutto il campionato.

JOSIP ILICIC
Dopo i sei centri su calcio di rigore, celebra con un bellissimo colpo a giro il primo gol su azione di questo campionato. E la Fiorentina continua a volare.

GONZALO HIGUAIN
Sembrava una giornata stregata per il Pipita, che si è mangiato un paio di gol prima di sbloccarsi e mettere a segno l’ennesima doppietta di questa stagione. Sale a quota sedici reti, distanziando ulteriormente gli inseguitori della classifica cannonieri.

ALESSANDRO FLORENZI
Il gol con cui sblocca la gara contro il Genoa è una boccata d’ossigeno per Rudi Garcia. Combatte, corre, segna: il tuttofare della Roma è il migliore in campo del match dell’Olimpico.

MARIO MANDZUKIC
La rimonta della Juventus a Modena scocca grazie alla doppietta del croato, ancora una volta decisivo. Il primo gol arriva da una bella girata nel cuore dell’area di rigore, il raddoppio grazie a un imperioso stacco su Gabriel Silva.

MASSIMO MACCARONE
Altra serata da urlo per il numero 7 di Giampaolo (alla quarta vittoria di fila), autore di una doppietta a Bologna: sette come anche i gol segnati in questa stagione. La sorsata di birra è un premio meritato.

MANUEL PUCCIARELLI
Non è da meno il compagno di reparto di Big Mac: per lui, un gol, un assist e un palo colpito.

ANTONIO CASSANO
La miglior partita da quando è tornato a vestire il blucerchiato: mostra diversi tocchi di palla come quelli dei vecchi tempi e serve l’assist per Soriano. Con Muriel da recuperare ed Eder infortunato, è stato Fantantonio a regalare la prima gioia a Vincenzo Montella. Poi lo slovacco Ivan arrotonderà con il suo primo gol in Serie A.

STIPE PERICA
Il ventenne croato dell’Udinese decide l’incontro contro il Torino, realizzando la prima rete del suo campionato. Un bel diagonale di destro dopo essersi liberato di Molinaro e Moretti.

FEDERICO DIONISI
Se il Frosinone spaventa il Diavolo merito è anche dell’ex livornese, bravissimo a pescare Ciofani per il momentaneo 1-0. E quando il Milan va in vantaggio, ha il merito di riaprire il match con un gol di testa.

IGNAZIO ABATE
Suona la carica al Matusa, trovando il gol del pareggio. Poco prima, aveva mandato in porta Honda, ma il giapponese non ha sfruttato l’assist.

BOCCIATI

FELIPE MELO
“Decide” il posticipo provocando il calcio di rigore per la Lazio a pochi minuti dalla fine. Non contento, si prende un rosso diretto per un calcio in faccia a Biglia. Settima espulsione per lui nella nostra Serie A.

EDIN DZEKO
Il campionato ritrova la Roma, ma non il bomber bosniaco, ancora in crisi. Contro il Genoa, l’ex Manchester City si fa scioccamente cacciare dal campo per  un insulto all’arbitro.

GENOA
Il Genoa, eliminato in settimana dalla Coppa Italia per mano dell’Alessandria, affrontava la Roma, uscita con lo Spezia. Nella sfida tra le due deluse della coppa nazionale, hanno prevalso i capitolini. Perdere all’Olimpico ci sta, ma la formazione di Gasperini sembra in questo momento priva di identità e nemmeno quando ha guadagnato la superiorità numerica, è riuscita a spaventare Szczesny. Una sola vittoria nelle ultime dieci gare e una classifica scricchiolante: non il modo migliore per arrivare al derby, in programma alla ripresa. La pausa, quella sì, può servire eccome.

LEONARDO BONUCCI
Il centrale della Juve e della nazionale è in difficoltà per tutti i 90′. Perde il duello con Borriello, autore del vantaggio del Carpi, e nel finale segna un’autorete. Una giornataccia.

MARTEN DE ROON
Un tocco da pallavolista nella sua area causa il primo dei due calci di rigore concessi al Napoli. Una follia che sblocca il risultato nella bella gara dell’Atleti Azzurri d’Italia. Peccato, perché fino a quel momento era stato tra i migliori dell’undici di Reja.

ALBANO BIZZARRI
Si lascia passare la palla sotto le gambe il tiro di Kalinic. Un errore che introduce l’opaca giornata del Chievo e che spiana la strada del successo ai viola.

Giovanni Del Bianco
http://www.guerinsportivo.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...